Seo:come fare per evitare le penalizzazioni di Google

Una serie di consigli utili su cosa non fare per non cadere in una penalizzazione Google

GOOGLEEEEEEEEEEEEEEE
Tutti i blogger o marketer sanno che è importante non solo scrivere ma anche mostrare ciò che si scrive senza incorrere nelle penalizzazioni di Google.Il nuovo algoritmo di Google ha generato un pò di agitazione nei webmaster per paura di  essere segnalati da Google per le informazioni che inseriscono nei loro siti.
Per una maggior chiarezza vogliamo allora segnalare gli errori da non fare per non incombere in una penalizzazione da parte di Google.
La perdita del posizionamento nella SERP o un calo nella PageRank di Google spesso sono dovuti a 2 fattori: l’utilizzo di tecniche SEO rischiose chiamate black hat o semplici errori che con un po’ di attenzione si potrebbero evitare.

1. Backlinks sono collegamenti ipertestuali attraverso link che puntano ad una determinata pagina web. Si consiglia sempre di avere un backlink naturale evitando link a pagamento su siti con Pr alto, link reciproci  che se massicci vengono riconosciuti immediatamente dagli scraping di Goolge, link nascosti nei template o nei contatori, link artificiali e anchor text che combaciano sempre e link con lingue non correlate.
2. Outgoing link sono i famosi link in uscita, è importante stare attenti a chi linkiamo, vedere se è un sito autorevole e evitare innanzitutto di inserire link non funzionanti i così detti Broken link che potrebbero generare un abbassamento nel PageRank, bisogna evitare  inoltre di avere troppi link esterni o nessuno e sopratutto evitare  link nascosti che spesso sono Spam.
3. Contenuto: Ci capita frequentemente di  trovare su Google la stessa notizia copiata su varie pagine web. Ogni sito dovrebbe creare contenuti originali utili per l’utente e non generare traffico copiando siti da altre pagine web. Quando l’articolo è originale, anche l’utente lo noterà e sicuramente sarà più interessato. Quindi è vietato assolutamente il copia-incolla. Goolge penalizza inoltre i contenuti copiati, duplicati o di bassa qualità.
4. Ads:  Google Adwords permette anche di fare pubblicità in revenue share. Bisogna stare attenti a non creare troppi annunci o creare siti affiliati che non offrono un valore aggiunto oltre a quello proposto dal sito che lo linka.

Ci sono,come possiamo vedere, diverse ragioni per ottenere una penalizzazione da Google o un abbassamento nella PageRank per questo è fondamentale avere sempre il controllo della situazione e per questo che Google offre 2 strumenti, Google Analytics e Google Webmaster Tools, per evitare qualsiasi inconveniente.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*