Ethan Zuckerman chiede scusa per i suoi pop-up

Ethan Zuckerman, inventore dei pop-up, dopo 20 anni chiede scusa a tutti gli internauti.

I così tanto fastidiosi pop-up che si aprono da soli nei nostri browser che rallentano la navigazione dei siti web, spesso bloccati da Google, hanno un creatore: Ethan Zuckerman che dopo 20 anni chiede scusa al mondo di internet, forse perché si sarà stufato anche lui.. dei pop-up!

Ethan_Zuckerman-pop-upIl suo inventore, che adesso è  direttore del Center for Civic Media del Massachusetts Institute of Technology si scusa per la diabolica invenzione, ma come e perché sono nati i pop-up? I primi pop-up furono realizzati a metà degli anni ’90, mentre Zuckerman lavorava a tripod.com, uno dei primi portali della storia del web nato per offrire servizi ai neolaureati, ma presto l’idea si rivelò un “Flop” e si dedicò ad offrire servizi hosting e vendeva pubblicità ai siti ospitati. Non essendoci delle tecniche che potessero presentare l’advertising ad un target specifico di utenti, nacque l’esigenza di dividere i contenuti pubblicitari offerti dalla pubblicità già presente sui siti web, soprattutto dopo le lamentele di una nota casa automobilistica che vide i suoi banner su un sito porno.

La soluzione studiata da Zuckerman, fu quella di destinare la propria pubblicità su delle finestrelle a parte e fu così che nacquero i fastidiosi pop-up.

Le mie intenzioni erano buone, volevo solo creare uno strumento che permettesse a tutti di esprimersi, di avere una propria pagina web, raggiungendo le persone. Questo era Tripod, e tutto ha funzionato solo grazie ai soldi della pubblicità. Ethan Zuckerman

Ma c’è chi della sua invenzione se ne approfittò a proprio vantaggio, facendo comparire decine di finestrelle pubblicitarie, poi i più famosi browser web, attraverso plugin, cominciarono a bloccare i pop-up fino a farli quasi scomparire.

Zuckerman ormai pentito si batte da anni per un web libero da intrusioni pubblicitarie e rispetto della privacy degli utenti.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*