Ecco com’è nato il banner

17 Anni fa HotWired scriveva questa frase: “Hai mai cliccato qui con il mouse? Lo farai” su uno spazio 468×60 pixel, sul sito di Wired US (che allora si chiamava HotWired). Questo spazio era dedicato alla compagnia telefonica amercicata AT&T e che HotWired abbia inaugurato, quel giorno di ottobre del 1994, il primo banner ad (advertising). Un mercato, che in seguito, ebbe una vasta espansione, secondo eMarketer oggi vale 24 milioni di dollari.

La storia del banner però risale a qualche mese prima (Maggio), durante il Meeting delle Agenzie Pubblicitarie dove, l’allora Presidente di Procter & Gamble, Edwin Artzt, tenne un discorso che molti ricordano per questa frase: “Corriamo il rischio di adattarci semplicemente a queste tecnologie in trasformazione, ma se non le influenziamo, se non le sfruttiamo, la fedeltà ai nostri brand potrebbe soffrirne a lungo.”

I pubblicitari dovevano entrare con prepotenza in questa nuova tecnologia, vincendo la loro sfida. Il punto di riferimento era l’agenzia MCI (oggi Worldcom). All’epoca, essendo le prime forme pubblicitarie da immettere su internet, non c’erano idee ben precise di cosa proporre agli utenti… e fu così che i pubblicitari scelsero queste categorie: Viaggi, Motori e Telecomunicazioni ecco quindi le prime aziende a promuoversi On Line: AT&T, Volvo, ClubMed, Zima, 1-800-Collect, e, ovviamente, fece da cavia anche la stessa MCI.
Visto che ancora nessuno credeva in questa impresa, MCI decise di adottare una politica singolare, ovvero promuovere i banner ad su HotWired e farsi pagare SOLTANTO quando le aziende avrebbero capito l’importanza di questa forma pubblicitaria, il passo successivo fu quello vincente ovvero: l’INTERATTIVITA’ cioè che questi stricioni pubblicitari potevano essere cliccati e potevano rimandare ad un sito web!

Volvo, come altri, rifiutò l’interattività perchè era un’azione che all’epoca non sapeva (e non voleva) gestire. Sta di fatto che il banner fu l’esplosione negli anni a venire di internet e grazie ad essomolti siti cominciavano a nascere nello scenario attuale. I banner ad sono ancora fondamentali per l’economia online e l’interattività sta diventando sempre più avanzata… grazie a questa semplice storia!

>> Continua a seguirci su AffiliatePRO

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*